Un tempo c’erano le radioline. Adesso, c’è il cellulare e la musica si ascolta con un click. Per i buongustai della musica, quella da ‘sentire’, da conoscere o da imparare a capire, è nata la web radio ribelle, Black and White Radio. Basta scaricare la app da Google o da Apple Store, si clicca e si ascolta. Cosa? Solo musica di qualità. Si presentano con una mission ‘aggressiva’: <La battaglia è cominciata. Combatteremo contro i poteri forti della musica, contro le canzoni spazzatura, contro chi ci ha imposto per anni i propri interessi, contro chi ci ha fatto dimenticare che le vibrazioni vengono dall’anima. Faremo una rivoluzione contro le major discografiche perché noi siamo i ribelli e siamo tornati>. 

L’obiettivo che si sono prefissati i ‘ribelli’ è ambizioso, ma non ha spaventato il fermano Fabio Castori, ideatore e direttore e deus ex machina di questa affascinante avventura nel mondo della musica, né gli altri del gruppo.

<Anche se nasce a Fermo, la nostra non è una radio locale. Ha studi a Bologna e Roma, ci colleghiamo con Londra, con Paul Newman, una delle voci londinesi più note e apprezzate al mondo. Stiamo per ingaggiare una nota speaker statunitense per cui ci collegheremo con Los Angeles. Abbiamo ascoltatori da tutto il mondo, dal Giappone come dall’Inghilterra, dalla Germania e naturalmente dall’Italia e stiamo lavorando in maniera certosina per espanderci ancora di più.>.

Una web radio con una programmazione lontana anni luce dalle solite radio. Come nasce l’idea?

<Pensare di fare radio e portare novità, oggi non è facile, ma io e un gruppo di pionieri delle radio libere eravamo stanchi di sentire radio formattate. Sempre la stessa musica, lo stesso modo di condurre. Così, ci siamo ribellati. Il nostro slogan: ‘Siamo i ribelli e siamo tornati’. Lo facciamo per un ideale, per la passione della buona musica e chi la ama non può non apprezzare. Una cosa è certa: quello che troverete qui non lo troverete facilmente>.

Perché ribelli?

<Eravamo i ribelli delle prime radio libere, quelle che, a metà degli anni ’70, non si sapeva neanche se fossero regolari o pirata. Ci siamo ispirati a questa nostra storia per proporre musica di qualità, con amici che sanno di musica e personaggi che non sono solo locali. Ognuno ha il proprio sistema professionale. Un’esperienza è unica nel suo genere per la musica che propone  e per il modo in cui la propone. Bandita la politica, bandito il commerciale, ci occupiamo solo di insegnare a conoscere la musica o di ricordare qual era la bella musica a chi non la conosce>.

Chi siete?

<Abbiamo Ricky Portera, uno dei più grandi chitarristi italiani di tutti i tempi, che  racconta la storia dei grandi del rock. Abbiamo fatto decine di puntate dedicate ai più grandi artisti e gruppi rock, spaziando dai Beatles ai Black Sabbath, passando per i Rolling Stones, i Queen, Eric Clapton, Deep Purple. C’è il padovano Alberto Prisco, noto esperto di rock internazionale. Ci sono personaggi locali che vantano una storia ultra trentennale nel mondo della radio: Mario Mazzaferro, Willy Franchellucci, Stefano Castori, Antonio Perini, Loris DJ, e poi Juan Celaya (dj di origine latino americana), Stefano Petrelli, Anacleto Ciarpella e ancora, il grande Foxy John (per tutti la voce fuori campo del programma ‘Ballando con le stelle’), Paul Newman, Mariella D’Elena, Mighty Craic>.

Chi seleziona e stabilisce che una certa canzone è di qualità?

<Il programmatore musicale sono io, con la collaborazione dei pezzi forti della radio. Ho reclutato tutti i vecchi amici che nel corso degli anni vissuti come speaker e come giornalista radiofonico, ho avuto modo di conoscere in tutto il mondo. Ho lavorato in radio olandesi e ho mantenuto le conoscenze internazionali. La stima tra noi è reciproca per cui quando ho proposto loro di essere voci di Black and White Radio, hanno subito aderito. Sanno che questa non è una radio commerciale, non ha scopo di lucro. Solo culturale. Chi viene da noi sa che si fa un discorso totalmente diverso rispetto alle altre radio in circolazione. Proponiamo musica soul, funk, rock, pop, jazz, di ogni genere. Cerchiamo e vogliamo solo la qualità. Rifiutiamo la musica spazzatura che ci viene propinata ogni giorno>.

Il direttore di Black and White Radio, Castori, propone ‘Il disco tradotto’.
<Traduco testi che ritengo interessanti per consentire a chi ha canticchiato per tanti anni una canzone senza conoscerne il testo, di sapere di cosa parla, per vederla sotto una luce nuova>. 

Riuscite ad avere un feedback degli ascoltatori e dei generi musicali che piacciono di più?

<Nel nostro sito, Blackandwhiteradio.it (il logo è realizzato dall’illustratore Lufo, mentre Viatcheslav Falconi Diakov è il web designer) si possono trovare centinaia di podcast dei nostri programmi. Abbiamo un sistema che ci permette di quantificare gli ascolti sul nostro sito, sul nostro profilo mixcloud, sulla nostra pagina Fb. Nel giro di un paio di mesi, abbiamo raggiunto un picco massimo di 18mila ascoltatori che, per una podcasting radio come la nostra, è sconvolgente. Siamo rimasti sorpresi anche noi>.

Solo musica del passato o prendete in considerazione anche le novità?

<Se un prodotto è buono passa e basta. Se sono musiche old style che non vengono più riproposte solo perché non ci sono interessi che le spingono, noi le riproponiamo perché sono di qualità. La nostra passione per la musica significa scoprire cosa c’è di bello di nuovo e di riscoprire cosa c’è di bello nel vecchio>. 

C’è tanta roba nel contenitore Black and White Radio. Tanto altro oltre la musica di qualità.

<Facciamo anche campagne radiofoniche sociali, sposiamo delle cause meritorie e solidali: il Natale solidale dell’ospedale per bambini ’Salesi’; contro l’abbandono degli animali che vengono regalati a Natale, e adesso stiamo lavorando in una compagna contro il bullismo. Infine abbiamo organizzato e organizzeremo eventi particolari, come quello prodotto con Portera nella casa di Lucio Dalla. Attività nelle quali possiamo contare sul prezioso contributo di Paola Pieragostini>. 

Marisa Colibazzi

Per esplorare l’universo musicale creato dai ribelli di Black and White Radio: pagina Facebook, il sito blackandwhiteradio.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categoria

Uncategorized